domenica 23 gennaio 2011

Il Re dei Furbi

Volevo scrivere di Anna, attribuendo a lei il fastidio che invece mi vede protagonista. Voleva forse essere una delicatezza nei confronti di una persona che non conosco e che non la merita, facendo passare l'oggetto di questo post per invenzione e quasi astraendo tutti i casi di furboni che per il proprio tornaconto danneggiano, seppur in piccola parte, gli altri. Coloro che si appropriano della Res Publica in misura maggiore del necessario, quelli che pur avendo un reddito di tutto rispetto chiedono le agevolazioni per i libri scolastici dei figli dichiarando meno di quanto percepiscono effettivamente, quelli che arraffano più che possono per paura di rimenere senza.
Senza cosa?
Mi sembrano il gatto che avevamo a casa dei miei una decina di anni fa, che mangiava allo sfinimento per paura di dover nuovamente affrontare i rigidi inverni da randagio, senza cibo e senza calore. Romeo, arrivato dai miei già adulto, si riempiva la bocca talmente tanto da non riuscire a masticare, sicché pezzetti di croccantini schizzavano fuori dalle sue fauci fameliche in tutte le direzioni.
Ebbene, nella mia stessa via abita un uomo (lo chiameremo per comodità "Il Re dei Furbi") che possiede due macchine, una cinquecento vecchia e malmessa ed una piccola utilitaria che usa normalmente per gli spostamenti. E la cinquecento? La cinquecento sacalda la poltrona.
Ora, bisogna premettere che cercare parcheggio intorno a casa mia, in pieno centro città, è piuttosto difficile e talvolta richiede anche mezz'ora di giri e ricerche. Sarà per questo motivo che il Re dei Furbi utilizza la sua cinquecento come segnaposto, parcheggiandola in maniera da occupare più spazio possibile; credo che abbia impiegato anni a cercare il giusto modo di ingombrare, ed ora ne è davvero diventato un maestro: ieri ho assistito all'intera manovra di parcheggio combinato.
Partiamo dall'inizio: c'era una peugeut parcheggiata davanti alla sua cinquecento, la quale a sua volta era stata abilmente sistemata davanti alla piccola utilitaria; dietro quest'ultima un pacheggio per invalidi. La manovra ha richiesto 20 minuti e 4 passaggi: dapprima, notando che la peugeot aveva lasciato libero il parcheggio ha spostato in avanti la cinquecento per riuscire a tirar fuori l'utilitaria; dopodiché ha portato quest'ultima al posto della peugeot. Compiuta questa difficile manovra, che gli ha preso circa 5 minuti, ha spostato indietro la cinquecento, portandola ad un metro abbondante dalla linea gialla del parcheggio per invalidi, per essere certo di non venitr chiuso da un altro automobilista. Già così aveva occupato abbastanza spazio, ma evidentemente non tutto quello di cui sentiva il bisogno, tra la cinqueceto e l'utilitaria, infatti, c'era ancora abbastanza posto per una smart o per un'altra piccola auto: la cosa deve essergli sembrata pericolosa, così ha portato indieto l'utilitaria. La manovra è stata lunga non tanto per la sua incapacità, quanto per l'attesa che trascorreva tra un passaggio e l'altro. Uscendo da una delle due auto si guardava attorno circospetto, cosciente della scorrettezza del suo gesto.
A questo punto il Re dei Furbi aveva un metro e mezzo abbondante davanti al'utilitaria, altrettanto spazio tra quest'ultima e la cinquecento, e ben più di un metro dietro la cinquecento, prima della linea gialla. Aveva occupato con due macchine piccole lo spazio di tre.
Immaginate di assistere ad una scena simile, e di sapere che chiunque cerchi parcheggio in zona sarà stato privato della possibilità di tornare a casa dalla sua famiglia, o dal suo cane, o dal suo gatto, o semplicemente dal suo divano, in tempi umani. Fa rabbia vero? Specialmente pensando che, vista la sistematicità del comportamento, quel qualcuno potreste essere anche voi.
Il parcheggio in realtà è poca cosa; non mi sto lamentando di questo signore in particolare, ma piuttosto di un modo di fare fin troppo diffuso, di cui abbiamo eminenti esempi da anni ormai. Del resto, se l'Italia e la nostra società stanno volgendo al peggio è anche perché si tollera un po' troppo il comportamento incivile (anzi, anti-civile), egoistico e soprattutto stupido di gente come il Re dei Furbi.

12 commenti:

Attila ha detto...

Un suggerimento:
http://www.wgtyres.com/images/cp2.jpg
+
http://www.stihl.it/upload/timbersports-collection/produkte/images/produkte/klappmesser2.gif

Diveriti!

Irene ha detto...

Lol! Se lo meriterebbe, ma non si fa perché poi si diventa come quella gente lì ^^
Un atto di prepotenza contro la prepotenza non è la via giusta, lo dico da persona che ha veramente pensato di insultarlo in tutti i modi, ma non ci si ricaverebbe nulla. Avrebbe anche il coraggio di dire chissà cosa...
E soprattutto poi la cinquecento o l'utilitaria restano bloccate lì! Non sarebbe un servizio alla comunità ;)
E poi quello che penso della vendetta lo dirò in un post prossimo venturo :p

Attila ha detto...

Non sono d'accordo.
Comunque sia, in alternativa potresti filmarlo e mandare tutto ai vigili. È più ortodosso, ti vendichi e dovresti risolvere il problema. Ma è infinitamente meno soddisfacente. :-)

Irene ha detto...

Purtroppo non credo sia da contravvenzione quello...non parcheggia su passi carrabili, o comunque in divieto di sosta, né sul marciapiede...
Vabbè, comunque, come anticipavo, dirò qualcosa sulla vendetta in futuro, ma premetto che la trovo una cosa piuttosto stupida. Non fa parte del mio carattere, non capisco come possa dare soddisfazione durevole...
Dal mio punto di vista quindi non avrebbe senso intraprendere azioni di questo tipo nei suoi confronti, prima di tutto per l'errore intrinseco dell'uso dell'intimidazione e della prepotenza, secondariamente perché non cambierebbe la situazione ;)
Ma su queste visioni non siamo mai stati d'accordo :p

Attila ha detto...

No, direi proprio di no.
Recentemente ho scoperto due blog che potrebbero interessarti:
http://fantasy.gamberi.org/
http://www.steamfantasy.it/blog/
Mi sa però che il secondo non ti piacerà granché.
Che ne pensi?

Attila ha detto...

Oh oh, ho messo un commento e si è cancellato...

Irene ha detto...

Era finito nella casella spam, Blogger deve aver pensato che commenti troppo. Io non sono d'accordo! Adoro i commenti ^^
Vedo i link, poi ti saprò dire.
Grazie mille Attila.

Attila ha detto...

Di nulla :)

Attila ha detto...

Rettifico, dopo qualche settimana di frequentazione, mi sono reso conto che il secondo blog che ti avevo segnalato fa schifo anche a me :-)
E il primo e` un tantinello ripetitivo.

A proposito, complimenti per il matrimonio. Tuttavia mi sento in dovere di augurarti che non si debba ripetere!! :-P In bocca al lupo

Irene ha detto...

Ma ciao, caro Attila, che piacere!
Grazie per l'augurio, sinceramente ti dirò che è previsto il bis per l'anniversario dei 25 anni, con rinnovo dei voti, ma altri matrimoni non sono previsti :p
Dei blog devo dire che il primo mi è sembrato un po' stupidino, il secondo alquanto noioso...e purtroppo trattano temi che ormai non mi prendono più tento. Grazie comunque per la segnalazione ;)
Tu come stai?

Attila ha detto...

Non c'è male, grazie.
Devo dire che anche io ultimamente non presto più attenzione a fantasy, medioevo e via dicendo: trovo le armi automatiche più interessanti degli spadoni :-D Sono più pp :-P
Approvo di cuore l'intenzione di voler celebrare degnamente il vostro 25°, in quanto io adoro i venticinquesimi: mai mangiato e bevuto tanto in vita mia :-D

Attila ha detto...

PS non che voglia autoinvitarmi, sia chiaro.

Posta un commento