venerdì 2 settembre 2011

Genitori al momento giusto

Dal giorno del matrimonio io e Matteo non abbiamo tregua: da una parte e dall'altra amici, parenti, colleghi, clienti ci chiedono quando è previsto il primo figlio, spesso con grandi aspettative. Certe volte verrebbe da rispondere istintivamente "Per carità, ci manca solo una scimmia urlante per casa!", ma riusciamo a controllarci ed esprimiamo la nostra idea con un diplomtico "Adesso non è il momento, ci penseremo tra qualche anno."; tutti si mostrano molto delusi, ed alcuni ci guardano addirittura come se fossimo dei bastardi egoisti.
Mi chiedo se sia davvero tanto sbagliato voler vivere questi primi anni di matrimonio come una giovane coppia e non come una giovane famiglia, ma non riesco a dubitare veramente della risposta; sarebbe più sbagliato mettere al mondo una creatura senza averla veramente desiderata, spingere un passeggino con l'aria perennemente arrabbiata, essere infastiditi dalla sola presenza di un bambino. Matteo mi ha raccontato di una donna con cui ha lavorato che odiava suo figlio; l'aveva fatto solo per dovere sociale, si detestava col pancione, e non sopportava il doverlo accudire; "Piange sempre, non so cosa vuole, non lo sopporto!" erano le frasi che ripeteva continuamente.
Faccio una lista degli impegni che ci siamo accollati io e mio marito, aggiungo i piaceri a cui non siamo disposti a rinunciare per ora: due esami di stato, una laurea, viaggi, uscite a cena.
Un bambino non rientra decisamente nei piani.


4 commenti:

D. ha detto...

http://imgs.xkcd.com/comics/family_decals.png

Irene ha detto...

Sì, bé...ma non solo ;)

A. Dario Greco [Sigfried] ha detto...

E poi vuoi mettere, con un pargoletto addio ai nostri bei lunedì sera!

Comunque sono pienamente d'accordo, per tutto c'è un tempo e affrettare i tempi è decisamente stupido, specie per motivi sociali. C'è gente che non se la sente proprio di avere un bambino, che bisogna fare? Colpevolizzarli? Decisamente no, non tutti sono tagliati a fare i genitori, meglio meno bambini ben educati, che una mandria di figli di nessuno allo sbaraglio. E poi ho sempre pensato che se e quando avrò un figlio sarà perchè lo vorrò veramente e perchè mi sentirò pronto a dargli il meglio di me stesso. Quindi aspetterò quel momento sperando che arrivi al momento giusto.

MPC ha detto...

Condivido ogni riga che hai scritto. Non vi fate influenzare!
Se la gente imparasse a farsi i fatti propri...

Posta un commento