martedì 25 settembre 2012

Avanti così!

Dunque, che dire? Non ho finito oggi, ma finirò sicuramente domani. Come previsto, insomma. 
Sono comunque molto soddisfatta del pomeriggio di studio, perché ho recuperato il ritardo che avevo accumulato i giorni scorsi...
...devo ammettere che domenica ho fatto molto poco...e anche ieri non ho studiato quasi niente. Mentre per domenica posso trovare una giustificazione nel sacrosanto diritto al riposo (devo appena prendere il ritmo, non posso pretendere una resistenza da supereroina!), per ieri faccio mea culpa, perché mi sono lasciata sopraffare, di nuovo. La mente ha cominciato a vagare sui campi fioriti della fantasia, ed ho iniziato a pensare come sarebbe se... a fare progetti lontani, astratti ed irrealizzabili senza ingentissimi capitali... insomma, mi sono "pimpinata". 


Oggi no. Oggi ho fatto il mio, senza infamia e senza lode. Dico senza lode perché non è tutto merito mio: il Fato mi ha assistita, portando sfiga a mio marito...non è una bella cosa, ma ne sono contenta. In che senso? Nel senso che Matteo si è comprato la bici per girare in città e con il vecchio adagio dell'elefante, della gallina e della vaselina è riuscito a far entrare la bicicletta nuova in auto per portarla fino a casa... quello che entra dovrebbe anche uscire, dicono, ma pare che l'elefante e la gallina siano rimasti incastrati, così si è reso necessario asportare chirurgicamente la ruota anteriore per estrarre il corpo estraneo dal bagagliaio. Erano circa le 19.30... e avevo talmente tanta fame da trovare appetibili i croccantini dei gatti, ossia l'unica cosa in tutta la casa che potesse ricordare anche solo lontanamente dei biscotti o degli snack. Invece ho dovuto attendere ben due che mio marito finisse di calibrare i freni che non volevano saperne di tornare alla perfetta regolazione iniziale. 
Ho ingannato la fame studiando.

A domani, che si conclude il primo programma!

Nessun commento:

Posta un commento